martedì 28 gennaio 2014

La storia della Musica secondo Big G.


Un’ immagine che pare un percorso evolutivo strappato a qualche testo di paleontologia.
Ha un innegabile fascino, nella sua apparente astrazione, nei colori, nella geometria fluida. Ha una sua eleganza nell’ estremizzare una necessità di sintesi esasperata.
Racchiudere tutta la musica commerciale del dopoguerra in un unico grafico senza valori esatti, ma nemmeno senza giudizi.
E’ aritmetica, più che critica o storia dell’arte.
Music Timeline  è l’utopia di un riassunto musicale fatto per essere osservato, digitato, interrogato, tutto in un solo sguardo (e in un paio di clic).
Detto questo, speriamo che nessuno, ora o in futuro, pensi di poterlo prendere sul serio.
La consueta, perenne utopia enciclopedica, universalista e olistica della Grande G, che pare sempre alla ricerca di una rappresentazione univoca del Tutto. Che finisce per lasciarsi alle spalle i cadaveri delle innumerevoli minoranze che la statistica archivia come errore standard o percentuale trascurabile. Degli eclettici, che per tutta la vita hanno cercato di mettersi al riparo dal ristretto concetto di “genere”. Degli impopolari che nell’Evo dei Social Media sono trasparenti ed invisibili ad ogni indagine.
Speriamo che una risata possa far passare ogni cattivo pensiero.

Ma poi... Chi erano quelli che già facevano “metal” a metà anni ‘60? Ancora l’eco di You Really Got me?

No perchè uno come me esige saperlo!

6 commenti:

Blackswan ha detto...

L'idea è carina, un bel colpo d'occhio. Certo, i Maroon 5 nella sezione rock grida vendetta :)

Marco Grande Arbitro Giorgio ha detto...

Buona idea mi piace

mr.Hyde ha detto...

E' un bel lavoro, mi piace molto.Dice tanto ma non s'impegna.Somiglia, è vero,ad una stratificazione geologica.L'attinenza di rock e jazz vicine alla zona a tamperatura più alta della terra, la ritrovo.Ma non so se c'è un criterio..

La firma cangiante ha detto...

Insomma, carino ma lascia un po' il tempo che trova.

Evil Monkeys ha detto...

Guardate questa è una cosa "cool", come tutto quello prodotto da Google, diamogliene certo atto. Però secondo me è anche una semplificazione ed una generalizzazione inquietante...

Per rispondere ad Hyde: il criterio c'è, ed è il calcolare "la prevalenza di certi artisti e certi album all’interno delle librerie musicali degli utilizzatori attivi di Google Play" (copio e incollo da un articolo di http://www.rollingstonemagazine.it). Cioè sarebbe come fare una cronologia ponderata della storia del cinema calcolando i film OGGI più scaricati (ok, non è proprio lo stesso, però...).

Ma lasciamo stare, il criterio c'è, può anche essere il più logico utilizzabile (magari non il migliore possibile), però c'è. Resta il fatto che i risultati sono per forza in balia della statistica e non della "critica" o per lo meno dell'analisi musicale.

Però ribadisco: è vero che è cool, è vero che è user friendly, è vero che la forma è perfetta. Magari i contenuti...

Ciaooo a todos!!

Jen D. ha detto...

Francamente, a me pare proprio 'na strunzat :D

ShareThis

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...