lunedì 5 maggio 2014

Una premessa a Virgin Forest


Da qualche giorno, sui social, abbiamo diffuso (no, non è plurale maiestatis, ma il frutto di un lavoro di gruppo...) materiale e informazioni riguardo a Virgin Forest, nelle intenzioni una “Guida collettiva al sommerso in musica”.

- Guida: perché vuole essere diretta, semplice, facile da consultare

- Collettiva: perché frutto del lavoro di tanti e non di un singolo

- Al: preposizione articolata

- Sommerso in musica: perché è un argomento che ci interessa (ok, che mi interessa, ma se ci sono degli sconsiderati che mi vengono dietro, non è colpa mia…).

Potete trovare tutte le informazioni su questo progetto agli indirizzi seguenti, ce n’è per tutti i gusti:




Ora, sul blog, mi preme solo postare una premessa a questo lavoro, anzi una premessa di metodo ancora più generica, che può stare alla base di questa come di altre mille iniziative. Nulla di nuovo, in realtà. Ma mi piace ripetere sempre le stesse cose…

Quella dei blog, dei social, del Web 2.0, è una galassia.
In continua rotazione, espansione, cambiamento, rinnovamento.
In campo musicale, anche appoggiandosi a piattaforme di scambio più o meno legali (o meglio, più o meno invise alle grandi case di distribuzione) ha contribuito a cambiare in maniera importante la fruizione della musica, online ma non solo. Ha certo avuto una parte nel processo di revisione dei canoni dell’informazione, che ha portato – e sta portando – al pensionamento di molte polverose riviste, enciclopedie, Storie-del-Rock, 1000-Dischi-Fondamentali, che si erano compilate in anni in cui pochi avevano accesso diretto alle fonti e ancora meno avevano “libertà di pubblicazione”.
Ma distribuire liberamente file, archivi, raccolte, rarità, non basta.
Così come non basta accumulare, scaricare, collezionare, immagazzinare su hard disk sempre più capienti migliaia di canzoni che alla fine non ascolteremo mai.
Non abituiamoci al tutto e subito.
E magari a gratis…
Non abituiamoci all’esagerato dilettantismo galoppante (pur con tutte le sue innegabili positività). Non abituiamoci al facile smercio di “roba” contrabbandata per cultura.
I blog funzionano bene quando garantiscono lo scambio, assicurano il flusso di idee e conoscenza. Quando costituiscono un ponte efficace tra le esperienze reali e quelle virtuali. Non quando le une sostituiscono le altre. Non quando si chiudono a riccio parlandosi addosso come intellettuali vanitosi davanti ad uno specchio.
Con il pretesto (un bel pretesto, se mi è concesso) di indagare il “sommerso” della musica pop, speriamo di favorire questo: lo scambio e il dialogo. Non il confronto metrico tra conoscenze ma l’integrazione di saperi ed esperienze differenti. Per pervenire a contenuti condivisi che siano, il più possibile, di qualità e possano, il più possibile, essere diffusi.
Perché una qualità senza diffusione e condivisione, è di fatto trasparente, vuota e autoreferenziale.
Diffusione che non è promozione finanziata.

Diffusione che non è massiva distribuzione forzata.

Diffusione che vuole essere giusta comunicazione attraverso le giuste persone.

Bello a dirsi; proviamo anche a costruire qualcosa che ci dia la possibilità di farlo.


A proposito, le iscrizioni sono sempre aperte, sapete dove trovarmi…

3 commenti:

mr.Hyde ha detto...

Ah, così sarei uno sconsiderato...

Evil Monkeys ha detto...

certo che si))))

mr.Hyde ha detto...

..in effetti,pensandoci bene..

ShareThis

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...