lunedì 8 ottobre 2012

Poobah - Poobah (US Hard Rock)


Artista: Poobah
Titolo: Let Me In
Anno: 1972
Label: Rite-Peppermint (PP 1015)


Jim Gustafson: guitar, vocals, keyboards            
Phil Jones: bass, vocals                
Glenn Wiseman: drums, vocals               


1 Mr. Destroyer                              
2 Enjoy What You Have                               
3 Live To Work                 
4 Bowleen                         
5 Rock'n Roll                     
6 Let Me In

Intendiamoci: Mr. Destroyer è l’unico pezzo che potrebbe degnamente illustrare i titoli di testa de “La notte degli Hell’s Angels Licantropi”: Les Paul a valanga su caterve di Marshall, riff spogliati di ogni virtuosismo e abbellimento, rivestiti solo di volume e alcool, assoli degenerati di wha-wha sotto tortura e un intermezzo assurdo per grida belluine di chi sta subendo una scarnificazione senza anestesia.
Let Me In è un album che si porta dietro una grossa fama tra i cultori del genere e che tutto sommato riesce a mantenere le sue alte promesse. Il trio è il veicolo musicale dello sfrenato chitarrista Jim Gustafson, fricchettone biondissimo e occhialuto, di magnetica presenza, a metà tra un Johnny Winter in salute e il guru hippy che Dean Stockwell impersonava in Psych-Out. Il terzetto si assesta senza esitazioni tra i Pink Fairies orfani di Twink e altri gloriosi rocker sotterranei come Truth and Janey.
Nel caso in cui dopo il bailamme della canzone d’apertura vi trovaste a guardare con sospetto le chitarre acustiche di Enjoy What You Have non abbiate troppa paura, perché il pezzo vanta solidissime basi di unplugged indie alla prima maniera di Crazy Horse senza spina, nonché un refrain dalla subdola orecchiabilità, pur in un’estetica di modesto francescanesimo West-Coast. Che non dura, perchè con Live To Work si torna nel regno dell’ultra-boogie, con johnnywinterismi beceri che vengono a galla come un cadavere pieno di birra nella piscina gonfiabile dei bambini, un testo balordo (I’m such a jerk, i live to work!) e un un riff talmente liso che può ben tener testa ad ogni gruppo garage in qualunque Bike-Fest tra Austin e Jacksonville. Già nel ‘72 sembrava impossibile tirarci fuori l’ennesima canzone. Ancora più rozzo Rock'n Roll, pezzo che lo stesso Malcolm Young avrebbe avuto dubbi a mettere su disco e che ogni gruppo tra Flint e Detroit avrebbe schifato, ma che nelle mani di Gustafson, per qualche strana alchimia, riesce a trovare un proprio senso trash. Sarà che nel mezzo ci stava il bizzarro psycho-flamengo di Bowleen, un thriller che stupisce per la presenza sinistra di un organo atmosferico e sibilante, minimalista si direbbe, che non tracima mai in una improvvisata jam degna della fama più sinistra della Family di Manson. E peccato che il trio sprechi metà dell’ultimo pezzo, Let me In, con l’immancabile drum solo di Glenn Wiseman, che non riempie nessun vuoto perché il gruppo, come gli inediti sulle ristampe CD ampiamente dimostrano, aveva idee da vendere, e già qui la chitarra puramente hard di Gustafson lascia intravedere assoli a cappella che si dilungano tra Farner e Angus Young in bello spolvero. Accompagnò l’uscita del LP il singolo (Going to) Rock City, puro Motor-City-Hard-Rock tra Frost e MC5 depoliticizzati; poi si dovranno attendere anni prima della seconda uscita ufficiale della band.

Il vinile, illustrato dalla peggiore illustrazione di Robert Crumb, uscì in sordina per la Peppermint (etichetta bianco-nera) ed è oggi valutato R3; non meno di 200 $ per una copia decente.
Molto interessanti le ristampe in CD, soprattutto quella del 2010 a cura della Ripple che alle sei canzoni del vinile aggiunge addirittura 12 tracce tratte da demo, live ed inediti: fondo del barile? Forse, ma alcuni pezzi sono notevoli, tra schitarrate furenti ed ampiamente sottoprodotte, contrabbassi saturi come campanoni di piombo e batterie scatenate in jam hard-psych senza controllo (le lunghe tirate di Make A Man Outta You, Upside Down Highway o la demente I'm Crazy, You're Crazy). 9 euro (più spedizione) su Amazon.de, stessi prezzi (salvo aste fortunate..) su e-Bay.


Banner

4 commenti:

Holyriver ha detto...

Non li conoscevo e vista la tua recensione me li sono cercati su internet.
Grazie per la segnalazione.
Buona settimana.

Bartolo Federico ha detto...

sei un portento evil.ti meriti una rubrica su una rivista di musica rock.

nella ha detto...

Già la copertina dice tutto l'album...straordinaria e il prodotto oserei dire in un termine improprio" esilarante"!!!!

Evil Monkeys ha detto...

Lieto che i Poobah siano di vostro gradimento ragazzi! Esistono i B-Movie? Bene, questo è B-Rock. Di serie A però...

Il rammarico sta nel fatto di essere certo che esistono (e siano esistiti) tantissimi gruppi come loro che forse non scopriremo mai.

ShareThis

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...