mercoledì 29 febbraio 2012

Fugs - L'amplesso sulla bara


Dopo il primo LP, “First Album”, pareva difficile parlare dei Fugs come di un gruppo musicale. Improvvisazione, satira da marciapiede, filosofia metropolitana, body-poetry: ma non musica. Più agevole ascoltare un vecchio 78 giri della Victor Record che “Swinburne Stomp” o “Baby Done Left Me”
Così all’uscita di Virgin Fugs nel 1966 si potrebbe gridare al miracolo: finalmente la scalcagnatissima band di Sanders, Kupfenberg & Weaver ha finalmente cominciato a “suonare”, costruendo canzoni con tanto di struttura armonica e un minimo arrangiamento. Il gruppo nel frattempo ha cambiato radicalmente formazione: all’uscita di Weber e Stampfel, impegnati a tempo pieno con gli “Holy Modal Rounders”, sono subentrati nuovi musicisti tra cui il chitarrista Vinny Leary e il polistrumentista Lee Crabtree, il cui piano elettrico diventa subito il fulcro sonoro del gruppo. E’ cambiata anche l’etichetta: dalla Broadside/Folkways alla mitica ESP di Sun Ra e Albert Ayler. Grazie al produttore Richard Alderson il gruppo potè incidere in un VERO studio, usare VERI strumenti e addirittura un registratore a 4 piste, come i Beatles! …cioè lo standard dell’epoca, ma sempre un bel passo avanti rispetto al garage e ai bonghi di Ken Weaver.


Per fortuna la vena satirica e goliardica è intatta e anzi compressa in forma “canzone rock” acquista nuovi orizzonti di gloria, inimmaginabili per il primo album. Virgin Fugs fu registrato tra il Gennaio e il Febbraio 1966 sotto l’attenta produzione di Alderson, le linee guida di Sanders (autore di quasi tutti i brani) e le fondamenta musicali di Crabtree. Il risultato fu un album in pieno stile 1966, elettrico, garage, pre-psichedelico: ma quella che oggi sembra facile moda, fu l’evoluzione naturale di un complesso che dalle origini aveva nel sangue la contestazione, la beat-generation e l’acidità del timbro sonoro.
I pezzi sono finalmente costruiti con strofa, ritornello e qualche interessante assolo, se non che il capolavoro arriva dalla sperimentazione totale di “Virgin Forest”: 11 minuti di montaggio sonoro avveniristico, un Zappa pre-Zappa di spessore assoluto, rumorismo spinto ma sempre godevole all’ascolto. La “suite” si compone di tanti parti minime di pochi minuti inserite in stretta sequenza come scene di una “pièce” di Ionesco: mari orientali in dissonante bonaccia, amplessi scimmieschi, tamburi tribali, poesie a bocconi; finchè Crabtree non mette ordine con una struggente melodia di piano abbandonata sotto l’ombrosa volta della foresta più inviolata. Una musica “nuova” per l’epoca, che troverà eco in futuro, Zappa a parte, con i “Red Crayola”, con “Ptoof” dei “Deviants” e con il kraut-rock più concreto (“Faust Tapes”).
Gli altri brani tengono sempre alta la tensione e la bandiera satirica del Lower East Side, con Sanders che canta in modo perennemente forsennato, Kupfenberg che contrappunta qua e là da basso ortodosso e il resto del gruppo che prova a tenere il tempo e a costruire groove accattivanti. L’ispirazione passa dalle jugs band acustiche al Rhythm and blues urbano del primo dopoguerra: atmosfere da late-show vietato ai minori serpeggiano per tutto l’album.
Dalla parte del rock stanno le prime tre tracce: il ghiaccio elettrico di “Frenzy”, l’hard-pop di “Skin Flowers” con un riff che pare rubato al George Harrison di “Day Tripper” ma che poi deraglia nella solita furia garage del gruppo; ultimo, lo scatenato attacco corale di “Group Grope”, culminante nell’esagitato orgasmo simulato da Sanders: “Dope, peace, magic gods in the tree trunks and GROUP GROPE BAY-BEEEE!!!!”, sesso di massa (“group-grope”, cioè “palpeggiamenti di gruppo”) sferzato dalla chitarra scatenata di Leary.
Se “Coming Down” è un notturno blues calante che sa di morte (Eyes with a vision of torture/ Frightened with a vision of death), “Dirty Old Man” è una marcetta per solista e coro che sorregge una grottesca vignetta di spaccio e voyerismo, nascondendo in realtà il ritornello popolare di “Pop Goes the Weasel”:

Hello kiddies, here I am at the school yard
Looking up every dress I can
Handing out drugs at the school
Touching all the bosoms I can.

Ciao ragazzi, sono qui nel cortile della scuola
Guardando sotto ogni gonna che riesco
Spacciando droghe a scuola
Toccando tutte le tette che posso


Non poteva poi mancare l’apporto filosofico-mediatico di Kupfenberg: “Kill for Peace” è una ballata di protesta diretta, senza retorica e false ipocrisie, con tanto di AK-47 spianati, bombardamenti assordanti, e cordiale satira à la Swift:

Kill, kill, kill for peace
If you let them live
they might support the Russians
If you let them live
they might love the Russians

Uccidi, uccidi, uccidi per la pace
Se li lasci vivere
Loro potrebbero sostenere i Russi
Se li lasci vivere
Potrebbero amare i Russi

Più distesa è “Morning Morning” che recupera la ondeggiante vocalità di “Carpe Diem” ed è allo stesso modo una ninna-nanna ripetitiva e ipnotica (Mornig, mornig … evening, evening … moonshine, moonshine… ).
Con “Doin' All Right”  il piano elettrico di Crabtree è sempre protagonista (tanto da citare Bach in apertura): la canzone mette in musica una crudissima poesia di Ted Berrigan che creò non pochi problemi di censura al gruppo: “Non andrò mai in Vietnam, preferisco starmene qui a fottere tua madre!” non erano certo versi da Ed Sullivan Show.
Dopo la teatrale Virgin Forest, perfetta conclusione del disco, arrivano le numerose bonus tracks che la ha inserito nella ristampa CD. Imperdibile la pomposa “Wide, Wide River” (of shit) cantata dai Fugs credendosi i Platters.

I Fugs hanno definitivamente ingranato, proponendosi come l’act più oltraggioso del periodo; lo hanno fatto senza moralismi e con tutta la leggerezza di un macabro ma esilarante amplesso sulla bara dell’americano medio.
  

After the first LP, "First Album", seemed difficult to talk about the Fugs as a band. Improvisation, satire from sidewalk, subway philosophy, body-poetry, but not Music. Easier to listen an old Victor Record 78 rpm that the "Swinburne Stomp" or "Baby Done Left Me".
So, the release of Virgin Fugs in 1966 could be a sort of miracle: finally  the devastated band of Sanders, Kupfenberg & Weaver has finally started to "play", building songs even with harmonic structure and a minimum arrangement. The group has radically changed formation: out Weber and Stampfel, now full time working with the "Holy Modal Rounders," in new musicians including guitarist Vinny Learyand and multi-instrumentalist Lee Crabtree, whose electric piano becomes the focus of the group sound.  The label changed also: from Broadside / Folkways to the legendary ESP of Sun Ra and Albert Ayler. Thanks to producer Richard Alderson the group was able to work in a real studio, using real instruments and even a 4-track recorder, like the Beatles! ... That is only the mid ‘60s standard, but still a nice step up from the Sanders’ garage and Ken Weaver’s bongos.

Fortunately, the satirical and goliardic vein is intact and, compressed in a "rock song" acquires even a new lease of glory, unimaginable in the “First Album”. Virgin Fugs was recorded between January and February 1966 under the careful production of Alderson, Sanders’ guidelines and the musical foundations by Crabtree. The result was an album right in 1966-style, electric, garage, pre-psychedelic; but that who now seems easy trend, was the natural evolution for a complex that had in the blood the dispute, the Beat Generation and acidity of timbre.
The pieces are finally built with verse, chorus and some interesting solos, but the masterpiece comes direclty from the total experimentation of "Virgin Forest": 11 minutes of futuristic sound editor, a Zappa pre-Zappa of absolute depth, noisy but always enjoyable. The "suite" consists of many clusters included in close sequence, as scenes of a Ioneso’s "piece": eastern seas in dissonant calm, ape orgasm, tribal drums, poems morsels; until Crabtree put an order in poignant piano melody abandoned under the shady forest, once more inviolate. A music "new" for the time, which will find an echo with the "Red Crayola," with "Ptoof" by Deviants, with the most concrete kraut-rock ("Faust Tapes").
The other songs always keep high the voltage and the satiric flag of Lower East Side, with Sanders who sings in a perpetual frenzy, which Kupfenberg counterpoint here and there lake Orthodox bass and the rest of the group trying to keep time and build winning groove . The inspiration goes from acoustic Jugs band to urban R & B blues of early post-war: late-show-rated atmospheres meander throughout whole the album.
On the Rock side are the first three tracks: the electric ice of "Frenzy", the hard-pop of "Skin Flowers" with a riff that seems stolen from George Harrison in "Day Tripper" but who soon derails in the usual fury garage of the group; finally, the triggered  attack ensemble of "Group Grop" with orgasm-like climax  by Sanders: "Dope, peace, magic gods in the tree trunks and bay-beee !!!!", group sex (group-grope, that is "groping group") whipped by Leary unleashed guitar.
If "Coming Down" is a waning night blues that smacks of death (Eyes with a vision of torture / Frightened with a vision of death), "Dirty Old Man" is a marching song for soloist and chorus that carries a grotesque cartoon of voyeurism and pushing , actually hiding the popular chorus of "Pop Goes the Weasel"

Hello kiddies, here I am at the school yard
Looking up every dress I can
Handing out drugs at the school
Touching all the bosoms I can.


It could also not miss Kupfenberg’s media-philosophical contribution: "Kill for Peace" is a protest song without false rhetoric and hypocrisy, complete with AK-47 drawn, deafening bombings, and satire “Swift friendly”:

Kill, kill, kill for peace
If you Let Them Live
They Might the Russians support
If you Let Them Live
They Might love the Russians


More relaxed is "Morning Morning", which retrieves the wavering vocals of "Carpe Diem" and is likewise a repetitive and hypnotic lullaby (Mornig, mornig ... evening, evening ... moonshine, moonshine ...).
With "Doin' All Right" Crabtree is always protagonist on electric piano (so much to mention Bach in the opening): the song puts in music a raw poem by Ted Berrigan who created many problems of censorship for the group:

I'm not ever gonna go to Vietnam
I prefer to stay right here and screw your mom

were not verses from Ed Sullivan Show.
After the theater Virgin Forest, perfect end of the disc,

The Fugs were definitely geared, serving as the most outrageous act of the period, they did that without moralizing, and with all the lightness of a gruesome but hilarious embrace on the coffin of the average (white) American.



The Fugs - ESP Disk - ESP 1028 – US - 1966




4 commenti:

Blackswan ha detto...

Questi erano dei veri matti e oltretutto divertentissimi.Splendido post,meglio di una lezione di storia.

79deadman ha detto...

@Blackswan: è proprio vero, le risate che mi faccio sui primi loro album sono uniche! Non ti dico poi l'emozione nell'avere comprato una prima stampa americana su vinile di quest'album...lo venero a tal punto che ancora devo metterlo sul piatto!

TraumaTones ha detto...

Dei fulminati i Fugs...i testi fanno sganasciare. Questi già nel '66 erano più Punk di Dead Kennedys e compagnia bella...

Evil Monkeys ha detto...

Fulminati e illuminati. L'atteggiamento è certamente ultra punk!

ShareThis

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...